Chi siamo – L’editoria

Edizioni Medicea Firenze è una casa editrice che opera da circa trent’anni nel panorama della saggistica e narrativa legate alla Toscana. La Casa Editrice, infatti, trae linfa vitale nelle ricche tradizioni della Toscana, dei suoi luoghi, dei suoi misteri e della sua storia, scoprendo e rendendo noto ai lettori nuovi aspetti della vita e... Leggi tutto >

Chi siamo – La comunicazione

Un’esperienza ventennale nel settore della comunicazione aziendale ed istituzionale al servizio di tutti. È questa la filosofia di fondo che anima questo ramo di attività di Edizioni Medicea Firenze, ovvero offrire i servizi di una grande agenzia di comunicazione a costi ultracompetitivi grazie alla professionalità... Leggi tutto >

“L’ultima battaglia per la Divisione Acqui – Cefalonia, alla ricerca di una memoria condivisa”

Invito_Cefalonia_8 luglio

La nostra casa editrice ha il piacere di invitare la S.V. alla presentazione del libro L’ultima battaglia per la Divisione Acqui – Cefalonia, alla ricerca di una memoria condivisa” a cura di Luigi Caroppo e Pierandrea Vanni - lunedì 8 luglio ore 17:30 – Palazzo Medici Riccardi – Firenze 

Interverranno
 
Marco De Paolis
Procuratore Generale Militare presso la Corte Militare di Appello
Gen. Fulvio Poli
Capo Ufficio Generale Promozione Pubblicistica e Storia Stato Maggiore dell’Esercito
Tiziano Zanisi
Associazione Nazionale Divisione Acqui
Saranno presenti i curatori
A un anno dal convegno organizzato con la nostra rivista Storia e storie di Toscana esce il libro, che è molto di più di una raccolta di atti, è un coro a più voci che riunite possano tendere all’obiettivo appunto della memoria condivisa. Su una vicenda esemplare della vita dell’Italia: la Divisione Acqui a Cefalonia negli anni della Seconda guerra mondiale.

«Il dolore non va in prescrizione» afferma con forza nel libro il Procuratore Militare Generale Marco De Paolis, e allora il nostro obiettivo della memoria condivisa guarda all’ottantesimo anniversario di Cefalonia, che cadrà nel 2023. Nella convinzione che solo così si può rendere pienamente giustizia morale e onore alla Divisione Acqui.

 

Leave a Reply