Chi siamo – L’editoria

Edizioni Medicea Firenze è una casa editrice che opera da circa trent’anni nel panorama della saggistica e narrativa legate alla Toscana. La Casa Editrice, infatti, trae linfa vitale nelle ricche tradizioni della Toscana, dei suoi luoghi, dei suoi misteri e della sua storia, scoprendo e rendendo noto ai lettori nuovi aspetti della vita e... Leggi tutto >

Chi siamo – La comunicazione

Un’esperienza ventennale nel settore della comunicazione aziendale ed istituzionale al servizio di tutti. È questa la filosofia di fondo che anima questo ramo di attività di Edizioni Medicea Firenze, ovvero offrire i servizi di una grande agenzia di comunicazione a costi ultracompetitivi grazie alla professionalità... Leggi tutto >

“L’insulto” al Giardino Buonamici – giovedì 22 ore 18.00

Copertina Lidice

Appuntamento giovedì 22 giugno – ore 18.00 al Giardino Buonamici, nell’ambito della rassegna “Oltre il Giardino”, conversazione con Luca Martinelli, letture dal testo a Monica Bucciantini e aperitivo a cura di Megabono e Strada dei Vini di Carmignano e dei sapori tipici pratesi.

«Tutti quanti credevano di essere più liberi e in grado di migliorare le proprie esistenze. Per certi aspetti era vero, fino a quando il lavoro c’era per tutti, ed è stato vero che siamo migliorati ma la cosa ha portato anche degli svantaggi, come quello di tralasciare lo studio per andare a lavorare. Penso che sia una cosa che abbia impoverito non poco questa città. L’ignoranza non ci ha portato fortuna». 

 Giovedì 22 giugno – ore 18.00 – Maurizio Giardi “Lidice” presenta il suo nuovo libro “L’insulto” (Edizioni Medicea Firenze), un racconto potente e che affronta il dramma del suicidio di un imprenditore tessile pratese colpito dalla crisi. Giardi riflette, e fa riflettere, sulle specificità del distretto pratese e più ampiamente sul lavoro in generale, la mancanza e il suo eccesso, l’importanza che ricopre nella vita delle persone e i danni che può provocare, se inteso come sfruttamento.
Il racconto si avvale dei contributi critici di Giuseppe Panella, Fabio Bracci, Riccardo Cammelli, Luca Martinelli e Giorgio Pogliano.

LIDICE. Fu mio padre a chiamarmi così. Non era il nome di un uomo, ma di un piccolo villaggio, non lontano da Praga. Il simbolo del paese era una rosa rossa. Non so il motivo, ma è sempre stato un piacere associare il mio nome a un fiore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0 Comment

Leave a Reply